home page contattaci dove siamolo studio chi siamo


Mercoledì, 26 Giugno , 2019
Nelle ristrutturazioni assegno fino a 5 anni senza contributi
Matteo Prioschi - Il Sole 24 Ore - pag. 19
Il contratto di espansione sostituisce quello di solidarietà espansiva. Sarà accessibile solo alle aziende con oltre mille lavoratori che devono affrontare un progetto di reindustrializzazione e riorganizzazione. Lo strumento è previsto nel decreto Crescita che attende il via libera dal Senato per la conversione in legge. Il contratto di espansione abbina ammortizzatori sociali e uno scivolo verso la pensione con l’obbligo di nuove assunzioni a tempo indeterminato e la riqualificazione del personale in base a un progetto di formazione dettagliato, con rientro in azienda di almeno il 70%. Il nuovo contratto può essere attivato previa intesa con i sindacati e verifica da parte del min. Lavoro. Per gli addetti che mantengono il posto di lavoro è possibile fare ricorso alla Cigs fino a 18 mesi con una riduzione media oraria del 30%, anche in deroga ai limiti previsti dalla norma.

Responsabilità da decreto 231 anche per i reati tributari
Giovanni Negri - Il Sole 24 Ore - pag. 23
Società responsabili per frodi Iva commesse dai dipendenti. Aprendo così la strada per l’applicazione del decreto 231/01 nel penale tributario. A prevederlo è la legge di delegazione europea, oramai pronta per essere esaminata dal Senato per l’approvazione definitiva. La legge affida all’esecutivo il recepimento della direttiva Pif che ha per oggetto la definizione di reati e di sanzioni contro le frodi che compromettono gli interessi finanziari dell’Unione con particolare riferimento all’Iva. La necessità del recepimento mette in agenda il tema cruciale della responsabilità degli enti, insieme alla forza esimente dei modelli e l’inclusione dei reati colposi. Da molto tempo si discute dell’allargamento all’intero settore fiscale. Il ddl che sta per ottenere il via libera definitivo scioglie i nodi almeno sul fronte delle frodi Iva, lasciando tuttavia impregiudicato la valutazione del min. Giustizia sull’opportunità di comprendere tutto il penale tributario nel perimetro della responsabilità amministrativa degli enti.

Abuso del processo, mano pesante sulle sanzioni
Patrizia Maciocchi - Il Sole 24 Ore - pag. 23
Più spazio ai risarcimenti punitivi, se gli avvocati non svolgono la loro funzione di filtro. La Corte di cassazione, con la sentenza n. 16898, usa la mano pesante nei confronti del ricorrente che aveva presentato un ricorso incomprensibile, teso ad ottenere un terzo grado di giudizio nell’ambito di un procedimento per il reato di diffamazione dal quale era già uscito sconfitto nei giudizi di merito. Con la pronuncia i giudici di legittimità tornano a trattare della funzione sanzionatoria per lite temeraria disciplinata dall’articolo 96 del Codice di rito civile calcando la mano sulla funzione sanzionatoria, per ottenere l’abuso del processo. Secondo i giudici la condanna alle spese in caso di soccombenza configura una sanzione di tipo pubblicistico, autonoma e indipendente rispetto alle ipotesi di responsabilità aggravata disciplinata dai primi due commi dell’art. 96. E con queste cumulabile, in nome del contenimento dello strumento processuale. Per la sua applicazione non è necessario l’elemento soggettivo del dolo e della colpa grave: basta che la condotta rientri nell’abuso del diritto.

La blockchain anti-corruzione
Matteo Rizzi - Italia Oggi - pag. 30
Blockchain anti-corruzione. E’ l’idea del Gruppo di stati contro la corruzione del Consiglio d’Europa (Greco), che nel suo report 2018, oltre a esaminare le azioni intraprese dai 49 Stati membri contro la corruzione, prende posizione sulla tecnologia blockchain. L’idea del gruppo Greco parte da uno studio dell’Oxford Internet Institute. Le piattaforme di voto basate su blockchain potrebbero ridurre la possibilità di corruzione nelle elezioni. L’applicazione della blockchin non è però una panacea perché ci sono nuove questioni da affrontare. Innanzitutto il paese deve dotarsi di infrastrutture digitali importanti e capillari; è essenziale, poi, un’elevata alfabetizzazione tecnologica della popolazione. C’è poi il problema della governance della blockchin stessa. La fiducia nelle istituzioni governative e nei rappresentanti eletti viene sostituita dalla fiducia negli amministratori della blockchain.

Giustizia sportiva, al Tar solo per risarcimento danni
Michele Damiani - Italia Oggi - pag. 30
Legittimo limitare al risarcimento del danno la tutela giurisdizionale contro le sanzioni sportive. Il sanzionato potrà rivolgersi, infatti, al giudice amministrativo per il risarcimento del danno, ma non per l’annullamento di un provvedimento disciplinare. E’ quanto affermato dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 160 depositata ieri. La vicenda riguarda un ex dirigente della Figc che si era rivolto al Tar per ottenere l’annullamento del provvedimento disciplinare del giudice sportivo che gli disponeva una sospensione per tre anni e il risarcimento del danno subito. Il Tar aveva sospeso il provvedimento sollevando questioni di legittimità costituzionale sull’art. 2 del dl 220/2003.

Oltre al reddito c’è anche l’Adr
Daniele Cirioli - Italia Oggi - pag. 35
Con la delibera n. 5/2019 l’Anpal dà il via libera all’assegno di ricollocazione per i beneficiari del reddito di cittadinanza. Per sei mesi, prorogabili di altri sei mesi, centri per l’impiego e soggetti accreditati ai servizi per il lavoro assisteranno i beneficiari del reddito di cittadinanza nella ricerca di un’occupazione. Chi non vi parteciperà dovrà dire addio al reddito di cittadinanza. Il riconoscimento dell’assegno di ricollocazione avviene entro 30 giorni dalla data di liquidazione del reddito di cittadinanza. Entro 60 giorni dal riconoscimento, il centro per l’impiego comunica all’Anpal il nominativo del beneficiario al fine della materiale assegnazione dell’assegno di ricollocazione al beneficiario del reddito di cittadinanza. Il beneficiario dovrà scegliere il soggetto erogatore del servizio e dovrà farlo entro 30 giorni dall’invio della comunicazione di attribuzione dell’assegno di ricollocazione da parte dell’Anpal, a pena di decadenza dal reddito di cittadinanza.

Equo compenso, ordini convocati il 3 luglio
Simona D’Alessio - Italia Oggi - pag. 35
Equo compenso: riparte il tavolo tecnico. Per mercoledì 3 luglio al ministero della Giustizia è stato convocato il tavolo con i delegati di 19 Ordini. L’intento è quello di procedere ad una riforma delle norme sulla giusta remunerazione dei lavoratori autonomi. In occasione del congresso Ungdcec il sottosegretario Jacopo Morrone ha ventilato l’ipotesi di estendere la tutela dell’equo compenso ai praticanti. Anche la presidente del Cup e del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, Marina Calderone, dal palco del Festival del Lavoro, ha affermato di non gradire l’introduzione del salario minimo e la contestuale ‘non applicazione dell’equo compenso’.

rassegna stampa fiscale
rassegna stampa legale
scadenze fiscali
novità fiscali
circolari
Attività dello studio
link
MetaSpace

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna

admin
copyright Studio Saccea partita iva: 04230850374metaping srl: servizi in rete per commercialisti ed economisti d'impresa